Metodo

/Metodo
Metodo 2019-01-12T11:32:31+00:00

Un buon professionista non è necessariamente un buon insegnante. Anzi, a volte è vero il contrario.

Spesso ci si affida al “nome importante” per la propria formazione, ma non sempre è una buona idea. A volte certi corsi ci lasciano delusi perché il formatore non è in grado di trasmettere quello che certamente conosce. A volte invece si tratta solo di “fuffa”: belle parole ma povere di contenuti. Altre volte vedo neo-professionisti lanciarsi subito a insegnare, con risultati improbabili.

Di certo, so che i miei oltre 12 anni di esperienza professionale non erano sufficienti, quindi ho studiato per insegnare, per poter essere in grado di trasmettere agli altri le mie conoscenze. 

Ho studiato un metodo che si chiama UpToYou®. Ovvero: dipende da te.

Dirai: ma come? Dipende da me?

Sì. Quello che imparerai nei miei corsi dipenderà da te. Hai capito bene.

Dipende da te quanto sarai disposto a impegnarti per imparare. Non offro soluzioni pronte ma un percorso di apprendimento. Quello che faccio in aula è stimolarti a metterti in gioco, andare oltre la tua zona di comfort, darti spunti per migliorare.

Chiariamoci: non c’è nulla di nuovo in quello che dico. Quello che dico in aula lo puoi trovare – e pure gratis – comodamente seduto a casa, davanti a un tutorial su YouTube, leggendo un blog o un libro.

Conta però il metodo di divulgazione: la maniera in cui si espongono i contenuti, come si organizza la lezione e come si riesce a far interagire la classe.

Non sono un motivatore o un life coach. Non mi piacciono quei formatori di stampo americano tipo “devi crederci… dai che ce la facciamo” e altre amenità del genere che creano un entusiasmo fasullo destinato a sgonfiarsi in breve tempo. Punto invece a stimolare un entusiasmo già presente nelle persone.

Nei miei corsi al centro ci sono le persone che li seguono. Per questo nel mio sito vedi poco me e nelle foto trovi molto più le persone che frequentano i miei corsi.

Il mio motto è “imparare divertendosi”: spiegare concetti a volte complessi in maniera semplice, sdrammatizzare, sorridere degli errori e gioire dei miglioramenti. Tutto è improntato sulla leggerezza perché imparare deve essere divertente, altrimenti non si impara proprio nulla.

Se andrai via dai miei corsi con più domande che risposte e la voglia di approfondire gli argomenti anche da solo, allora vorrà dire che avrò fatto un buon lavoro.

Ci vediamo in aula 🙂

Ahhh… dimenticavo: a volte il metodo prevede anche tutta una serie di “incentivi” correlati alle uscite pratiche come pizze, birre, spritz, torte… ecc. E no, non sono offerti dal docente. Anzi… sono gli allievi che devono offrire 😉